Siamo parti di uno,
portiamo la totalità
di ciò che esiste
dentro di noi
e dobbiamo
riconoscerla negli altri.
[Federico Faggin]

CONNESSIONI

“Connessioni” è stato il tema vibrante del Festival della Consapevolezza 2023. Una parola utilizzata non solo come argomento di discussione, ma come cuore pulsante dell’intero evento. Gli incontri hanno offerto un’opportunità per esplorare il potere delle vere “connessioni”, quelle che ci permettono di scambiare energia positiva, costruire fiducia reciproca e riscoprire il legame autentico con noi stessi e con il mondo circostante.

Le due serate al Teatro Verdi di Padova hanno accolto ospiti di grande rilievo e hanno visto una partecipazione entusiasta del pubblico. Franco Mussida, Silvia Latham, Pier Luigi Lattuada hanno brillato nella prima serata, mentre la seconda è stata caratterizzata da interventi di Federico Faggin, Chiara Luzzana e Gianluca Gotto. Lorenzo Maragoni, campione mondiale di Slam Poetry, ha deliziato il pubblico con emozionanti intermezzi, mentre le interviste esclusive a Vandana Shiva e Don Gino Rigoldi hanno arricchito ulteriormente l’esperienza.

Una serie di attività collaterali hanno reso l’edizione 2023 ancora più ricca e coinvolgente. I pomeriggi hanno visto il Teatro Ridotto trasformarsi in un luogo di workshop curati da Michaela K. Bellisario, mentre la sala prove è stata dedicata a Consapevolandia, un innovativo laboratorio esperienziale per bambini dai 4 ai 10 anni. Questa novità, attraverso atelier didattici, ha stimolato la conoscenza e offerto ai più piccoli l’opportunità di esplorare la natura e le proprie radici in un ambiente educativo e creativo.

L’apertura del Festival, presso il suggestivo Palazzo della Ragione di Padova, è stata contrassegnata da una meditazione guidata dal maestro spirituale Bernard Rouch accompagnata dalla musica ispiratrice di Luca Donini. L’intervento introduttivo dell’assessore alla Cultura Andrea Colasio ha aggiunto un tocco di interesse all’evento, sottolineando l’importanza e il valore della consapevolezza e delle connessioni.

La calma
è la forza dell’anima.
La mente concentrata
è la via per connettersi
con il Sé interiore.
[Paramahansa Yogananda]

2023 | GLI OSPITI

Mussida
FRANCO MUSSIDA

Compositore e cantautore, storico chitarrista della Premiata Forneria Marconi (PFM), fondatore e presidente del CPM Music Institute, scuola di musica a Milano, ideatore del progetto “CO2” che negli ultimi dieci anni ha coinvolto migliaia di detenuti nelle carceri italiane portandoli ad avere una maggiore consapevolezza; più di nessun altro è riuscito a cogliere il legame tra la spiritualità della vita, il suono come elemento di vita e le emozioni della musica come ponte verso il sacro che c’è dentro e intorno a noi e che illumina il nostro mondo emotivo raccontandoci chi siamo nel profondo.

Latham
SILVIA LATHAM

Antropologa, educatrice Earth Charter e coach della trasformazione. La sua natura profonda è di esploratrice e ricercatrice. Ha lavorato a molti progetti internazionali di ricerca e ad un progetto triennale europeo Socrates-Minerva. Dal 2021 collabora con Earth Charter International come co-facilitator ai corsi di certificazione sull’Educazione allo Sviluppo Sostenibile, patrocinati dall’Unesco. “Noi siamo più di quello che crediamo. Liberiamo la nostra capacità di esistere, rimanendo in ascolto, fidandoci e coltivando le sensazioni e le connessioni vitali per costruire la consapevolezza di noi stessi. Abbiamo profondi legami con la natura e possediamo risorse interiori che possono diventare eccellenze determinanti per vivere pienamente ed essere protagonisti attivi di cambiamenti positivi. Abbracciare e assaporare la bellezza della natura non significa solo trarne un beneficio fisico e mentale, significa anche riscoprire una connessione interiore e una saggezza che sono dentro di noi”.

Lattuada
PIER LUIGI LATTUADA

Medico e psicoterapeuta. Direttore dell’Integral Transpersonal Institute di Milano. Fondatore di Biotransenergetica, disciplina psico-spirituale costituita da un insieme di strumenti che forniscono una visione epistemologica ed un metodo esperenziale per esplorare il proprio mondo interno e dialogare con l’esperienza interiore. Direttore della scuola di Psicoterapia Transpersonale di Milano, riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione e della Ricerca. La Psicologia Transpersonale sta ad indicare quell’approccio psicologico che si occupa dello studio e della cultura della spiritualità e integra l’esperienza della psicologia occidentale con le tradizioni mistiche fondate sulla meditazione e con quelle sciamaniche fondate sull’estasi e sul contatto con le forze della natura.

Faggin
FEDERICO FAGGIN

Pioniere della rivoluzione informatica, ideatore del microprocessore e della tecnologia touch, è il più grande inventore italiano vivente. Dopo aver trascorso gran parte della sua vita negli Stati Uniti al servizio della scienza, abbracciando la visione competitiva che domina la società odierna e raggiunti tutti i traguardi del successo, intraprende un percorso spirituale che dura vent’anni. Giungendo alla conclusione che è la coscienza che comprende e che prova sentimenti ed emozioni, senza tutto questo gli esseri umani sarebbero dei robot. Il suo messaggio illuminante: “Prendiamo sul serio quello che sentiamo dentro e incominciamo ad interrogarci. Le nostre emozioni sono la finestra con cui conosciamo noi stessi”.

Luzzana
CHIARA LUZZANA

Laureata in fisica all’Università di Roma “La Sapienza”, nel 1994 Francesca Matteucci (Roma, 1953) diventa professore associato all’Università di Trieste e da novembre 200È un artista, compositrice ed imprenditrice del suono che dopo aver iniziato da giovanissima gli studi musicali partendo dalla chitarra, passando al clarinetto e pianoforte, affermandosi come Rapper, è arrivata infine a creare musica partendo dal rumore delle cose della vita come spiegano le sue parole: ”nessun strumento musicale può essere imprevedibile come la vita, il rumore delle nostre vite ci rende tutti compositori e dobbiamo imparare ad accordarlo. Esistiamo per ascoltare il suono della vita, rendendoci conto di quanto tutto quello che ci sta intorno sia realmente vivo”. Considerata tra le più innovative e visionarie sound Artist e Designer, progetta e dà vita al suono dei brand più famosi al mondo. Nel 2014 ha concepito il progetto artistico The sound of City in cui i suoni delle città diventano colonne sonore, trasformando il rumore in melodia e ritmo mantenendo lo spirito delle città che sono luoghi che hanno qualcosa da raccontare ed un’anima da mostrare. L’ultimo libro pubblicato” Tutto è suono” è un viaggio alla scoperta dei suoni, di un mondo sonoro in una società dominata dalla cultura dell’immagine dove trovano spazio anche studi di psicoacustica e neurobiologia della cognizione musicale. “L’abilità di trasmettere, ricevere, interpretare i suoni associati alle emozioni è un fattore di sopravvivenza non secondario sia per gli esseri umani che per le specie animali, riconoscere le differenze tra i suoni associati alla fuga, al pericolo, al corteggiamento o all’accoppiamento non solo salva la vita la migliora. Mai sottovalutare il potere del suono. Mai.”0 è ordinario presso quell’ateneo. Dall’anno successivo è socio dell’Accademia dei Lincei per la classe di Scienze. Dal 2003 al 2006 è stata direttore del Dipartimento di Astronomia e vice direttore del Dipartimento di Fisica dell’Università di Trieste, oltre che Presidente del Consiglio Scientifico INAF.

Gotto
GIANLUCA GOTTO

Scrittore blogger torinese, a vent’anni si trasferisce prima in Australia, successivamente in Canada. Si auto-definisce “nomade digitale”, scrive articoli e libri mentre viaggia dentro di sé e in giro per il mondo, specialmente in Asia, condividendo esperienze di vita ed insegnamenti buddhisti. Citando l’incipit del suo blog “Mangia Vivi Viaggia”, attivo e super-seguito dal 2016, racconta che la sua missione è aiutare le persone a vivere più serenamente esortandole a viaggiare sia esteriormente per scoprire il mondo, sia interiormente per esplorare se stessi e la propria vera natura crescendo spiritualmente. Sostenitore dell’Ikigai, filosofia giapponese per ritrovare ogni mattina appena svegli lo scopo della propria vita, Gianluca Gotto identifica in questo metodo il segreto per la realizzazione di una vita da vivere con felicità seguendo la formula magica che nasce dalla combinazione di ciò che ami, ciò che sai fare, ciò che puoi condividere con il mondo e ciò con cui puoi mantenerti. “Non avere aspettative, impara a vivere la vita per quello che è. Non pensare troppo altrimenti vivi male e superficialmente. Lascia andare il passato e le sofferenze. La vita va avanti, si evolve e cambia, scorre come un fiume che si muove sempre avanti. Ognuno di noi non si deve opporre a questo scorrere armonioso. Per il nostro bene dobbiamo smettere di essere rocce”.

Scroll to Top